Matteo Bagnoli Presidente Avis Livorno dona il suo midollo è salva una vita!!!

Dona il suo midollo e salva una vita

Il gesto di Matteo Bagnoli, tecnico di Casalp e presidente Avis: «C’è una possibilità su 100mila ed è toccato proprio a me» 

«Uno su centomila. Solo uno su centomila è compatibile con il tuo midollo e aspetta te per essere salvato. Quante volte ho ripetuto questa frase nelle scuole. E poi? E poi, qualcuno o il destino ha fatto il suo gioco ed è toccato proprio a me». Matteo Bagnoli, 33 anni, tecnico di Casalp, adesso potrebbe avere un fratello sconosciuto in giro per il mondo: il suo midollo è infatti risultato compatibile con quello di un paziente che lo stava aspettando per non morire. Lui ha effettuato la donazione e se il trapianto avrà funzionato, grazie al suo gesto, avrà salvato una vita.

Bagnoli è un donatore speciale: dal marzo scorso infatti è il presidente dell’Avis di Livorno, dove da sette anni è donatore di sangue.

«Negli ultimi anni ho girato tutte le scuole superiori della città, invitando i giovani a provare che cosa voglia dire donare il sangue e descrivendo le emozioni che si percepiscono – racconta Bagnoli -. In queste occasioni, grazie alla presenza di Admo Livorno, ho sempre portato il mio esempio agli studenti: Ragazzi, ripetevo, quando andrete a donare il sangue la prima volta, ricordatevi di chiedere un prelievo in più e richiedete l’iscrizione al registro italiano dei possibili donatori di midollo, è importante. Solo una persona su centomila risulta compatibile con il vostro midollo. Ma potrebbe essere proprio quella che ha bisogno di una donazione».

Un intreccio curioso del destino ha voluto che sia toccato proprio al presidente dell’Avis ricevere la telefonata che gli ha cambiato per sempre la vita: «Mi ero iscritto all’Admo nel 2010 e il mio nominativo, come tutti gli altri associati, era inserito nel registro mondiale di possibili donatori di midollo. Sapevo che forse non sarei mai stato chiamato ma ero consapevole dell’importanza di esserci. Una mattina è arrivata una telefonata che non scorderò mai: mi hanno chiamato dicendomi che dovevo recarmi nuovamente a effettuare delle analisi per verificare l’eventuale compatibilità con un paziente che poteva aver bisogno del mio midollo. Le analisi di approfondimento hanno confermato che la compatibilità era al 100% per la donazione di midollo osseo. Ho sentito il cuore che batteva forte, è stata un’emozione fortissima».

La donazione è avvenuta col metodo dell’aferesi da sangue periferico: «4 ore a doppio accesso venoso – racconta Bagnoli -, da una parte toglievano sangue, poi separavano le cellule staminali e nell’altro braccio mi ridavano il resto. Quando ho finito, ho visto il corriere arrivare in ospedale, caricare le mie cellule e ripartire. Mi hanno detto che se il trapianto ha funzionato avrò un altro fratello. Non lo conoscerò mai ma è fantastico sapere che c’è ed è vivo grazie a me».

Articolo di Giulio Corsi

da IL TIRRENO del 07/11/2017

LE DONAZIONI DEL 2021

  • SANGUE INTERO

    3520 DONAZIONI

    OBIETTIVO 5500

  • PLASMA

    2041 DONAZIONI

    OBIETTIVO 4200

  • MULTICOMPONENT

    195 DONAZIONI

    OBIETTIVO 500

Numero delle donazioni di sangue intero, plasma e multicomponent durante l'anno in corso. Ultimo aggiornamento: 23-10-2021