Coronavirus, il direttore del Cns Liumbruno: «Scorte sotto controllo, prenotiamo le donazioni anche del plasma»

FONTE ARTICOLO: AVIS NAZIONALE (www.avis.it)

«Continuare a prenotare le donazioni, senza perdere di vista l’importanza del plasma». È l’invito che lancia il direttore del Centro nazionale sangue, Giancarlo Maria Liumbruno, a seguito della massiccia risposta dei donatori agli appelli per garantire scorte sufficienti a contrastare l’emergenza Coronavirus.

 

Se dal punto di vista dei globuli rossi la situazione, al momento, risulta sotto controllo, Liumbruno punta l’attenzione sul plasma: «In questo periodo, per ovvie ragioni, si è data la precedenza al sangue, per far sì che i pazienti talassemici o leucemici potessero vedersi garantite le trasfusioni di cui hanno bisogno. Tuttavia, è bene ricordare che il plasma continua a rappresentare un prodotto preziosissimo per la produzione di farmaci salvavita».

 

E la richiesta è sempre quella di prenotare la donazione: «Sapere quando presentarsi nel centro trasfusionale è importante per evitare assembramenti – prosegue Liumbruno – e permettere allo stesso personale sanitario di poter seguire meglio ogni donatore. E questo riguarda, ovviamente, anche il plasma». Plasma che continua a essere utilizzato per curare il Coronavirus, una pratica su cui, secondo il direttore, è bene andare cauti: «Continua a trattarsi di una terapia empirica non supportata da evidenze scientifiche. Un uso compassionevole del plasma in virtù di cure non ancora esistenti per questa pandemia. Si potrebbe allora ragionare, a medio termine, sull’avvio di una raccolta di plasma per ricavare immunoglobuline specifiche per la cura del Coronavirus».

 

 

LE DONAZIONI DEL 2020

  • SANGUE INTERO

    1776 DONAZIONI

    OBIETTIVO 5500

  • PLASMA

    1157 DONAZIONI

    OBIETTIVO 4200

  • MULTICOMPONENT

    119 DONAZIONI

    OBIETTIVO 500

Numero delle donazioni di sangue intero, plasma e multicomponent durante l'anno in corso. Ultimo aggiornamento: 14-08-2020